Una giocata a scacchi iniziata di notte

ASSENTE.

Un giocattolino, un giocattolino, un giocattolino, un giocattolino.
Si girava di là. Tutte le volte che creavo. Cosa non si sa. Ma ASSENTE.
In me. Per me.
DENTRO.
Non seguiva. Non ascoltava una sola virgola.
O FINGEVA.
Il mio giocattolo non lo curo da Dicembre Gennaio. Io non dipingo più.
FRUSTRANTE.
Ho deposto il pennello ancora sporco e non scrivo più.
DA MESI. Forse ho sbagliato. Per me.
Un nuovo giocattolo, un nuovo giocattolo, un nuovo giocattolo. Tutto nuovo e tirato a lucido.
LA TUA DIAVOLA BIANCA.
Prima chiedevi di averla l’altra mezza.
Quando l’avevi e dovevi tirar fuori cosa significava aver a che fare con una ragazza
TI SEI TIRATO INDIETRO.
Non un cuscino. Non un cuscino. Non una pezza.
IO PARLO.
TU ASSENTE.
Io, ero il tuo giocattolino. Eri tutto contento. Ora è vecchio. Rotto. Tu non lo vuoi più.
Un giocattolo, un giocattolo, bellino e complicato da leggere nel libretto d’istruzioni.
VIA.
Un nuovo giocattolo tutto per te. Tutto preso. Tutto contento.
IO MI SBOTTONAVO.
Da nuda. Di già.
Il libretto d’istruzioni sbagliato col disegnino e mancano pezzi.
VIA. STRACCIATO. GETTALO COME FAREBBE UN BAMBINO.
Non ci si pensa più così. Veloce fai presto.
Schioccano le dita, mi giro, non sono distratta.
ATTENTA.
Devo camminare. Pur sempre camminare, camminare, camminare.
Devo pensare.
TU SEMPRE ASSENTE.
Io così. Tu non capito. Io faccio così. Tu incompreso.
No, non è che siamo incompatibili.
Hai avuto poca comprensione. Poca compassione.
Tu incompatibile. Tu così. Tu eri più o meno. Ma io? Io come?
Non ricordi. O non sai.
Tu eri assente. Scusa lo sfogo. Anche quando ascoltavo. Il silenzio è più bello.
Tu c’eri. Io di più. Io so della TUA Diavola Bianca. Tu non della MIA.
IO SO Più COSE DI TE CHE TE NON SAI.
Camminare. Cazzo devo sempre camminare, camminare, ora devo stare a pensare.
Fumo. Mi siedo. Mi avvolge. Ci sto. Mi vedo da lì. Mi sento.
STAMATTINA.
È stato bello.
Un giocattolino, un giocattolino sempre presente. Giocattolino, giocattolino. Ci sei sì?
PRESENTE.

Annunci

2 pensieri su “Una giocata a scacchi iniziata di notte”

  1. CITTADINA DEL MONDO “traduzione ITA canzone di ALANIS”
    Comincio al nord,
    cresco da un seme speciale,
    lo spargo con emozione.
    Dalla neve francese ed ungherese
    indugio a germogliare
    finchè il mio motore non è pieno.

    Poi attraverso il mare
    verso la felicità europea,
    verso la lingua dei poeti.
    Mentre taglio il cordone di casa,
    bacio la madre di mia madre,
    guardo all’orizzonte.

    Con gli occhi spalancati, una nuova terra,
    affascinata dal mio nuovo ambiente.

    Sono una cittadina del mondo,
    il mio presidente è Kwan Yin.
    La mia frontiera è s’un aereo,
    le mie carceri: ricoveri per la riabilitazione.

    Poi torno volando al mio nido,
    torno volando con il mio nucleare,
    ma tutto è cambiato.
    Quindi aspetto,
    la mia voglia di casa è aumentata,
    il mio patriottismo consumato
    da vocazioni dall’aldilà.

    Quindi faccio le valigie,
    con niente di prezioso,
    ogni cosa è sacra.

    Sono una cittadina del mondo,
    le mie leggi hanno tutte un fascino.
    Le mie pene sono conseguenze
    che separano dalla sorgente il peccato originale.

    Sono una cittadina del mondo,
    i bambini del popolo sono i sovrani,
    dove gli insegnanti sono i saggi
    e i piedistalli sono occupati dai genitori.

    E così,
    gli anni venturi saranno confusi,
    la prossima decade sarà un turbinio
    di profumi e sapori sconosciuti.

    Abiti
    cuciti direttamente con questa stoffa,
    con campi di tutti i colori,
    da una cultura all’altra.

    Io torno a vivere
    e sono stordita,
    sono incantata e una cittadina globale.

    Sono una cittadina del mondo,
    da radici umili attraverso alte vedute.
    Sono protetta dagli angeli,
    il mio corpo guida la direzione in cui vado.

    Sono una cittadina del mondo,
    il mio passatempo preferito è quello di allungare i confini.
    Esaltata dalla condizione umana,
    questi ideali nascono dal mio animo più profondo.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...