ENTI FHIIN?

Nel mio viaggio vidi Shara, Zhara e Nafisah. Tre donne di generazioni diverse. Tutte e tre con un filo di matita nera negli occhi. Avevano la forza della tempesta, molta voglia di comunicare con me, e cose così. Mi insegnarono l’arte della cucina, a sedere a terra, senza infradito, l’arte delle risate per le sciocchezze, e il tempo ch’era bello vederselo sorvolare così. Piccole bambine innamorate mi passavano a trovare. Mi sfioravano le mani e se le portavano al cuore. Dicevano che era arrivata la luce e indicavano il neon. Che io ero Nur. La luce. E poi smalto alle unghie, foto a milioni e video, tutto insomma per rimanere. Impregnarsi in quei vicoli color Sahara. Facevano qualsiasi cosa per restare aggrappata nei ricordi.
Lì le porte si usavano tenere ancora aperte per la fiducia. Un via vai di genti riempiva il perimetro del grande tappeto verde, a qualsiasi ora del giorno e della notte. Le persone, comprese le donne lì, non dormono quasi mai. E se gli scappa la stanchezza, allora buttano giù un tappetino e vi si distendono sopra. Il pisolino è per terra con la testa appoggiata alla gamba del divano. Mi bussavano di continuo per dirmi dai non privarci della tua presenza, scendi giù a parlare con noi. C’erano persino quelli che venivano da molto lontano solo per scattarmi una foto. Mi sembrava che le carte si fossero mischiate. Ero io la novità.
Quando passeggiavo sopra il battuto di terra umida dalla pioggerellina appena passata, mi pareva di sentire un odore di un dolce mai assaggiato prima ad ora. Nessuno voleva che inciampassi, o che cascassi, o che semplicemente mi facesse male la testa. Sembrava un caso di stato, tutti pronti a pormi le loro medicine, o a darmi la mano se inciampavo in qualche buca. E lì di buche ce ne sono ad ogni passo. E le persone, comprese la bellisima Shara, Zhara e mamy Nafisah, hanno imparato a camminare anche di notte. Sono come i gatti, vedono meglio col buio pesto.
Mentre mi prometto di tornare dentro quel tappeto verde, a chiudere foglie di riso nel fare Maschj, nel friggere melanghn e Felafel, mi chiedo dove siete finite voi, giovani donne forti e coraggiose?

Nella canzone “Enti Fhiin?”= Dove sei?

Annunci

Un pensiero su “ENTI FHIIN?”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...