RICCARDINO PANE E VINO

RICCARDINO PANE E VINO

Sto impazzendo
sotto questo cielo latitante
ed ho appena appena
salutato il tuo ticchettìo
mio ammirevole ammiraglio
ho sentito che d’improvviso
potevo rinascere
e magari rinascere tutte le volte

ch’io sputavo alla noia
bizantina dei tuoi fermenti
inchiodati nei tuoi sogni
nelle mie notti.

All’improvviso risoffro
perché il quieto vivere
giace in altre foreste,
guardali i chiodi dei pini
guardali guardali,
io sono dietro di te.

Finalmente sparisco.

Nei tuoi occhi e dai tuoi occhi
solo altro, solo altro,
guarda ora mi amo di nuovo,
e ti salvi.

E ci salviamo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...