CANTI ORFICI

WIN_20181210_09_05_36_Pro

Annunci

7 pensieri riguardo “CANTI ORFICI”

  1. “Poi che la nube si fermò nei cieli
    lontano sulla tacita infinita
    Marina chiusa nei lontani veli,
    e ritornava l’anima partita
    che tutto a lei d’intorno era già arcanamente
    illustrato del giardino il verde
    sogno nell’apparenza sovrumana
    de le corrusche sue statue superbe:
    e udìi canto udìi voce di poeti
    ne le fonti e e sfingi sui frontoni
    Benigne un primo oblìo parvero ai proni
    umani ancor largire: dai segreti
    dedali uscìi: sorgeva un torreggiare
    bianco nell’aria: innumeri dal mare
    parvero i bianchi sogni dei mattini
    lontano dileguando incatenare
    come un ignoto turbine di suono.
    Pieno era il sole di Maggio”
    Dino Campana

    Mi piace

    1. Odio! Grazie per questa canzone a Dino*per gli amici…
      è strepitosa! poetica! bellissima!
      Ma, ma, ma… ma come? dove? come le trovi? da dove le tiri fuori? *sempre così puntualmente impeccabili
      P.S. se hai quell’assomiglianza tra qualche giorno debbo farti gli auguri di Buon Compleanno? Sicuro che non hai 33 anni?

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...