Archivi categoria: Senza categoria

MI FAI UNO SPIEGO??

Stavo giocando con la bimba, per spiegare il gioco le fo : <<Laila ora ti dico un esempio… ma questo è solo un esempio eh!?>>
E lei <<Cosa è un “esempio”?>>
io <<Uh! “esempio” significa… spiegazione! Tipo fare la spiegazione di una cosa facendo degli esempi, appunto…>>. E poi ci si rimette a giocare per un po’. Ma ad un certo punto, lei mi fa:
<<Mamma, Fammi Uno Spiego!>>

Annunci

25OTTOBRE ORE 9

Mi sono innamorata! Sììì! Mi sono innamorata!!! Allora senti, è una donna, è ganza, spigliata, simpatica, irascibile quanto basta, indipendente, risolta, sicura, emozionale, mooolto calorosa, non se la tira anche se non è niente male. È semplice, è spontanea, consapevole, ha voglia di viversela. Si chiama Marianna! Insomma l’ho scovata finalmente! Ora l’assecondo un po’ così magari non mi scappa.

IMPOSSIBILE il titolo è già preesistente

“TAGLIA LA TESTA AL TORO”

Da quant’è che non m’hai più visto piangere?
Da quant’è che non m’hai più visto ridere?
E da quant’è che non m’hai più visto far
tutt’è e due le  cose insieme?
Da quanto hai tenuto lontano il tuo muscolo
da quanto hai tenuto il tuo istinto
da quanto vento hai sprecato l’ultima volta, l’ultimo fondo
da quanto hai trattenuto la tua stretta di morsa
nella mano, lontano dal mio guscio dell’umorismo vago?
Ed io a far la distaccata…
Ma chi vuoi che ci creda?

22/2/2007

RICCARDINO PANE E VINO

RICCARDINO PANE E VINO

Sto impazzendo
sotto questo cielo latitante
ed ho appena appena
salutato il tuo ticchettìo
mio ammirevole ammiraglio
ho sentito che d’improvviso
potevo rinascere
e magari rinascere tutte le volte

ch’io sputavo alla noia
bizantina dei tuoi fermenti
inchiodati nei tuoi sogni
nelle mie notti.

All’improvviso risoffro
perché il quieto vivere
giace in altre foreste,
guardali i chiodi dei pini
guardali guardali,
io sono dietro di te.

Finalmente sparisco.

Nei tuoi occhi e dai tuoi occhi
solo altro, solo altro,
guarda ora mi amo di nuovo,
e ti salvi.

E ci salviamo.

POESIE PER VOI

C. PUNTO SECONDO

Hai camminato con la schiena sul suolo
convulsioni da tener sottocontrollo
palmi delle mani in aria
ti sei addentrato nel mondo
che detesti e ne sei fiero.
Un’ora a caso della vita
un fastidio da annientare subito
giorni cruciali e brandelli masticati
pari un angelo in queste condizioni.

Hai oltrepassato lo sbaglio
perché diavolo non sei
e non lo sei mai stato.

Pestati, calpestati
baciati l’uccello
graffiati i bicipiti
osservati la scapola destra
nel centro
ficcati un’occhiata
di sbieco.
Ora sei apposto.

POESIE PER VOI

C. PUNTO PRIMO

Non mi costa niente
ammetterlo.
Non ho mai capito?
Perché mi hai mai spiegato?
Ho un turbolento oggetto
nel palmo della mano
e la matita incallita
sta già ingiallendo,
non abbiamo mai avuto
assi nella manica.
È colpa mia?
Perché tu eri mai stato
meglio di così?
Forse invecchierai
come tutti gli altri.
Forse avrai smesso
di tornare per ultimo,
come tutti gli altri.

Guardi ancora da lontano
anche se non sei più l’unico.
Cucino i soliti piselli
mettendo l’indice sulla fronte,
e ho chiaro tutto :
ti ho mentito,
mi hai beccata,
ma tu hai mai impedito
che mi allontanassi?