POESIE PER VOI

QUANDO LE LESSI

Quando quel giorno dissi
– Mamma vieni ti leggo questa che –
lei non si sedette nemmeno
ed io cominciai :
– Madre stupida,
il gelido sorriso spiazzato
ha mutato
insormontabile cerchio d’inferno -.
Lei m’interrompeva a tratti
attraversando i miei ritmi-respiro nei versi
mi accorgevo che le volevo
danneggiare l’immagine di me
quell’immagine di me!
E così io le volevo dar risposte.

Poi continuai :
– L’occhio spento
madre stupida
sa far pregare
e non c’è perdono
credo
che tenga -.
Ed io stavolta non capivo,
ma anche questo
Shakespeare lo sa.

µµµÞÞÞࢮߐߐµµµÞÞÞࢮߐߐµµµÞÞÞࢮߐߐµµµÞÞÞࢮߐߐµµµÞÞÞࢮߐߐµµ

SHAKESPEARE LO SA

Il miglior pezzo
è così odiabile
la mia, la tua, la vostra carneficina
in sotto-forma d’amore
è così cieca
che non si accorge
nemmeno di vedere.

Mi domando se avresti mai capito
cosa ho mai fatto per te
dal momento in cui ti ho scritto.

Stai soffrendo come non mai?
Allora ho lavorato bene.

La parte migliore di me
si sprigiona solo quando è rifiutata,
la mia, la tua, la nostra terapia
è bisognosa di sangue
per credere,
e Shakespeare lo sa.

Mi domando se ti fossi mai accorta
di quello che ti ho fatto
dal momento in cui ti ho parlato.
Stai soffrendo maldestra?
Allora sto lavorando bene.

µ§0µµ§0µµ§0µµ§0µµ§0µµ§0µµ§0µµ§0µµ§0µµ§0µµ§0µµ§0µ

LA TIRO SEMPRE SU

LA TIRO SEMPRE SU

Quando ti uccisi
mi resi conto
della mia amante sul tetto
si trascinava e si trascinava
mentre i lamenti
erano nella tua bocca
che delusione.

Morii tre volte
nel mio passato,
ed è bello che ci credi
bello crederci unici,
“mentre non togli il pensiero dalla mente”
si può affaticare meno
questa storia storica,
suonami con l’unghia grigia
come una volta
ma non spezzarmi
anche il mio ultimo gioco,
è il mio onore che mi gioco.

LE SIGARETTE FANNO BENE

LE SIGARETTE FANNO BENE

Sei una psicopatica
una finestra che penetra
dal buio una giostra di luce arancione.

Sei saggiamente ridotta
pudica e arrapata
e credente!

Stingimi come scritto
la maglietta della carne
non è possibile
che non ricordi il tuo nome.

Sei un pezzettino velenoso
e osso duro
e morte incombente
e schizzata!

L’altra notte
ti ho cacciata dal mio letto.

ߤµÞÒÊÞÞµ0µ0µ0ߤµÞÒÊÞÞµ0µ0µ0ߤµÞÒÊÞÞµ0µ0µ0ߤµÞ

ASSENZIO a Rimbaud

ASSENZIO a Rimbaud

Nel tempio scrosci di liquori non ancora collaudati
e pare un altro giorno che mi ricorderò a vita.
Sebbene mi odi
un certo bisogno mi bisbiglia
di arrotondare con le monete
per raggiungere una certa quota.
Dai soldi verdi siam passati ai soldi sinistri
eh no! Non lo si può scrivere
pensando e ripensando
avendo e non avendo sempre in mente te
in ogni momento
anche mentre faccio urinare gli ospiti.
E dio come vorrei avvicinarti
per spiegare e non spiegare granché.
Rimbaud unisce un filo di foglia
e ci fa una collana
ed io mangio,
anche oggi.

ARTHUR RIMBAUD

ARTHUR RIMBAUD

Un nodo in gola
ma “che te lo dico a fare”
la schiena, in certe battute
s’incurva e non c’è
un sogno introspettivo giusto
né il veleno giusto,

ti vorrei dire
di ritornare dall’ottocento
ti capirei anche col mitico sesso
ma sei piuttosto gay
e pure morto
ed io non so smettere
lo stesso
di bere quel che bevevi te
di sorridere al mostro
che rosicchia
i nostri muri di carta.

Oh sì ! L’altro è solo un amico
“e che te lo dico a fare”
non è come te Arthur!

IL FANCIULLINO

IL FANCIULLINO

Cinque del mattino
una mano morsicata fino all’osso
tanto sonno e immenso desiderio
un via vai di genti
e lussuria nei brividi per tutto il corpo.

Sei della sera
un accenno di miglioramento
termometro rotto per terra
un amuleto che si stringe al collo
e desideri di collassi
a lunga scadenza.

La giovane venere
se ne sta sdraiata al suolo
marmo rosa l’avvolge
e penso
ora riderà.

µµ0µµ0µµ0µµ0µµ0µµ0µµ0µµ

LA MATTINA È DURA

LA MATTINA È DURA

Per ogni provocazione
rispondere con un gesto d’arte.
Per ogni frase sparata presto
rispondere con un silenzio.
Per ogni tradimento nella guerra
rispondere coi fatti nei miei libri.
Per ogni sentenza sparata a zero
rispondere con la dissolvenza.
Per ogni indifferenza e dimenticanza
incorniciare un dipinto ad olio.

Allora, domani devo fare :
cominciare da questo momento,
smettere d’essere dipendente,
non avere più il fegato marcio,
dimagrire di cinque chili di pensieri,
farmi due caffè col miele (non di più)
riposarmi, pensare a me, ridimensionare,
stendermi sul divano e ridere,
avere due occhi vivi,
fare movimento e invidia,
non sprecare più nemmeno un granello di fumo,
scappare dalle loro limitatezze mentali.

Per ogni insulto alla mia intelligenza
risponderò con due pupille a carboncino.
Per ogni attenzione in meno
risponderò che me lo tengo stretto l’orgoglio.
Per ogni ricatto morale alle mie spalle
risponderò con vocaboli infallibili.
Per ogni perdono venuto male
risponderò con le mie promesse.
Per ogni pregiudizio verso la mia tregua
risponderò coi miei disegni delineati.
Per ogni allontanamento dalla realtà
risponderò scrivendo qualcosa.
Tutto qua.

CIAO CARLOS

UNA BEVUTA RAGGUARDEVOLE

Siamo tre ragazzi a sedere nel pub dietro le Giubbe Rosse. Siamo: io, Carlo Alberto Barbis e il mio scrittore preferito. Parliamo e beviamo, beviamo e parliamo ed io rido per circa un’ora, come non ho riso in tutta la mia vita. Il clima è agrodolce, ma il mio cuore ha il sapore del piccante, eh c’è il mio scrittore preferito! Siamo solo noi tre nel pub che quasi quasi anche i baristi se ne vanno lasciandoci soli, nel ventre del pub. Ad un certo punto io racconto che poco tempo prima ero andata a Mestre e sottolineo che ero andata lì per scopare con uno. Loro ridono, sfottono e fanno battute sul fatto che potevo scegliermelo più vicino. Io rispondo che lui lo faceva tutto strano. Chiedo se vogliono sapere tutti i particolari. Rispondono di sì, mentre Carlo Alberto si alza per andare in bagno e lo scrittore preferito si alza per andarsi a prendere un’altra bevuta. Già che c’è ne prende altre tre: una pinta chiara per me, il sesto Cubalibre per lui e un Baileys Cream per sé.

Una volta tanto tempo fa, vi era una piccola scugnizza, danzatrice su fili elettrici, adesso vi sono solo terre lontane da raggiungere in Porsche Carrera, cappotta scoperchiata, niente stereo alto, niente sigarette nel cruscotto, niente lattine verdi smeraldo dietro a tintinnare, niente ripensamenti.

Nea: NuovaEcologiaArtistica

Un blog di Arte per l'arte contemporanea. Con-Tempo-Ra-Nea: con il tempo il sole sarà nuovo.

Fosca Sensi

la verità è una questione estetica

Ordine e Caos

Maschera Bianca (la Maschera Nera è privata)

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

La speranza ilcuore della vita di Raffaella Frese

Frasi, citazioni, pensieri che nascono dal cuore

ossitocine.wordpress.com/

La filosofa così oscura che Schopenhauer te lo svendo come precursore del positivethinking

Il Blog di Tino Soudaz 2.0 ( un pochino)

Provando tanto, prima o poi riesco anche se tante cose continuo a non capirle

Salvatore Leone

Il vizio dell'aria

orearovescio

scrivere è entrare nelle ore a rovescio

arturoadalziora

scritti in lingua morta

massimobotturi

Lo so, lo so, lo so che un uomo, a 50 anni, ha sempre le mani pulite e io me le lavo due o tre volte al giorno, ma è quando mi vedo le mani sporche che io mi ricordo di quando ero ragazzo. Tonino Guerra

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

Riflessioni in controluce

Personale visione cinematografica

willyzini

in parole ti cerco, con parole ti desidero, senza parole ti concepisco

almerighi

amArgine come sempre

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

Suoni e Passioni

Siamo Musica