• L’uomo con la borsa si è chiuso il cappotto ed è andato via. E questa volta non si è dimenticato niente.
Annunci

——————————-

Una terra lontana costruita da persone buone con i loro sorrisi illuminarmi il buio che ho nascosto con le loro voci intonare canzoni e belle idee con le loro stelle negli occhi farmi dimenticare tutto questo. Ecco. Ecco quello che voglio, dimenticare. Dimenticare. Dimenticare solo dimenticare.

Tutto succede lì fuori e io non lo so? Tutto sta accadendo e io non lo so perché sono rinchiusa qui dentro. Il mio sorriso non è più come il mio solito non bacio e non abbraccio più come ero solita fare persino la mia lingua si è cancellata inesorabilmente e così, non so più neanche ascoltare. Ho perso il gusto dell’olfatto e dell’udito ho smarrito fantasmi ed eroi in qualche strada in centro ho confusione e rimbombi come compagnia la notte.

Tutto è accaduto là fuori ed io non ne ero partecipe, tutto è successo mentre non me ne sono accorta? La mia voglia di esplorare è cambiata manca il coraggio, qualche dolcezza, e la condivisione. Ho smesso di essere curiosa e coraggiosa, ho rotto il mio cuore e adesso non sento più passione non rido alle battute come una volta, non riesco più a respirare le foglie e la terra dei giardini ho molto tempo per vedere che non ho più me stessa, però.

Sognare, giù giù, in apnea,
sott’acqua respiro meglio,
strano, intenso, esplosione,
il momento che vive l’ispirazione,
capisco ch’è difficile,
la verità non esiste, ecco la verità!
Sognare, catapultarsi in altre dimensioni,
formulare frasi nuove, vite nuove,
e poi, poi, sognare di nuovo, senza rimorso,
come riscatto, come per farcela.

«Vuoi sentirti sicuro? La sicurezza si può avere in galera. Tre metri quadrati tutti per te senza affitto da pagare, senza conti della luce e del telefono, senza tasse, senza alimenti. Senza multe. Senza fermi per guida in stato di ubriachezza. Cure mediche gratuite. La compagnia di persone con gli stessi interessi. Chiesa. Inculate. Funerali gratuiti.» CHARLES BUKOWSKY.

 

Volevo essere leggera come un giorno di domenica sul calendario una primavera fresca e soleggiata all’ombra di un pino volevo truccarmi di matita gli occhi con qualche brillantino avrei tanto voluto far sorridere con battute divertenti così da lasciare il segno e non voler più fare a meno di me. E tutto è andato storto. Volevo mantenere la calma anche durante la tempesta avevo mia figlia in braccio e non c’ho visto più volevo credere di sognare alle favole smarrite in qualche libro una pioggia fredda si è abbattuta piombando nella realtà dei fatti. Tutto è scivolato dalle mani. Erano tutti contro di me, perché pensavano che ero il bersaglio più semplice Sbagliato! Tutti mi hanno morso come lupi affamati sulla neve candida perché pensavano che fossi io il boccone più facile da divorare e mandar giù Sbagliato. Come al solito mio padre e mia madre hanno messo in mezzo me per farsi la guerra. E c’è chi ci casca, non dandomi una mano di supporto, ed è sbagliato! Io cosa? No, io ho fatto bene a tirare fuori le unghie e ad oppormi con tutta la voce che posso, perché non ci casco più, se mi volete togliere anche la voce, o la mia attenzione di difendermi con l’unico mezzo che concepisco, vi siete sbagliati di grosso tutti.

[ CARO DIARIO ]

Ok, ok, la mia vita è basata su lei ormai, su: Non deve assolutamente succederle niente; ti prego Fa che non le capiti mai niente di grave. I miei guai, sono passati nel trapasso su Mercurio, perché quando lei si adagia sul mio seno, mi salva la vita tutte le volte. Lei è così: mi salva la vita. Perché ti toglie ogni tipo di respiro.

cordiali saluti.

Una volta tanto tempo fa, vi era una piccola scugnizza, danzatrice su fili elettrici, adesso vi sono solo terre lontane da raggiungere in Porsche Carrera, cappotta scoperchiata, niente stereo alto, niente sigarette nel cruscotto, niente lattine verdi smeraldo dietro a tintinnare, niente ripensamenti.

Criss Runfolo

Nero è il colore che sono

Ero Sveglia: poi ho capito Freud ®

"ogni riferimento a cose, persone o fatti è puramente casuale ed opera della mia fantasia"

Nea: NuovaEcologiaArtistica

Un blog di Arte per l'arte contemporanea. Con-Tempo-Ra-Nea: con il tempo il sole sarà nuovo.

Fosca Sensi

la verità è una questione estetica

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

La speranza ilcuore della vita di Raffaella Frese

Frasi, citazioni, pensieri che nascono dal cuore

Il Blog di Tino Soudaz 2.0

Provando tanto, prima o poi riesco anche se tante cose continuo a non capirle

arturoadalziora

scritti in lingua morta

massimobotturi

Lo so, lo so, lo so che un uomo, a 50 anni, ha sempre le mani pulite e io me le lavo due o tre volte al giorno, ma è quando mi vedo le mani sporche che io mi ricordo di quando ero ragazzo. Tonino Guerra

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

willyzini

in parole ti cerco, con parole ti desidero, senza parole ti concepisco

almerighi

amArgine come sempre

Suoni e Passioni

Siamo Musica

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

Nessuna Certezza

Just another WordPress.com site

Cenere

"Non si parte - Riprendiamo le strade di qui, curvo sotto il mio vizio, un vizio che ha affondato al mio fianco le sue radici di sofferenze, fin dall'età della ragione - che sale al cielo, mi colpisce, mi rovescia, mi trascina" A.R. "Cattivo sangue"