io la amo
La amo come non ho mai amato nessun uomo.
Ha quel sorriso con quegli occhi intensi
che sembrano mangiarmi dentro.
io lo so
finiremo nel finimondo là nel deserto
e crescendo impareremo che ha tutta la vita davanti.
È troppo complicato slacciarci quando siamo avvinghiate
in questo fiocco.

io non credo
io so
di amarla.
La tengo in braccio, mia figlia,
perché non è un pezzo di me
perché lei è così, una serata Indimenticabile.

 

TERZO

È che io ho questi traumi da liberarmi nella testa
per forza non è possibile andare avanti
è che ci sono solo paletti e zero vie d’uscita.
È che c’ho queste immagini shock nel cervello
e nulla mi riesce fare se non posso concentrarmi a liberarmene.
Mi fa freddo al cuore, non è neve, non è neve,
è solo crollare davanti alle persone e sorridere sempre.

  1. Anche se mi è stato insegnato che ridere troppo
    fa venire le disgrazie.
    Non ce la faccio ad andare avanti
    perché gli occhi sono semi-chiusi. Lucidi e spenti.
    È che ho dei traumi nella testa

che non posso scusare.

 

Una volta tanto tempo fa, vi era una piccola scugnizza, danzatrice su fili elettrici, adesso vi sono solo terre lontane da raggiungere in Porsche Carrera, cappotta scoperchiata, niente stereo alto, niente sigarette nel cruscotto, niente lattine verdi smeraldo dietro a tintinnare, niente ripensamenti.

Ero Sveglia: poi ho capito Freud ®

"ogni riferimento a cose, persone o fatti è puramente casuale ed opera della mia fantasia"

Nea: NuovaEcologiaArtistica

Un blog di Arte per l'arte contemporanea. Con-Tempo-Ra-Nea: con il tempo il sole sarà nuovo.

Fosca Sensi

la verità è una questione estetica

Ordine e Caos

Maschera Bianca (la Maschera Nera è privata)

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

La speranza ilcuore della vita di Raffaella Frese

Frasi, citazioni, pensieri che nascono dal cuore

Le mille e una Tavola

Autobiografia culinaria

Il Blog di Tino Soudaz 2.0

Provando tanto, prima o poi riesco anche se tante cose continuo a non capirle

Salvatore Leone

Il vizio dell'aria

orearovescio

scrivere è entrare nelle ore a rovescio

arturoadalziora

scritti in lingua morta

massimobotturi

Lo so, lo so, lo so che un uomo, a 50 anni, ha sempre le mani pulite e io me le lavo due o tre volte al giorno, ma è quando mi vedo le mani sporche che io mi ricordo di quando ero ragazzo. Tonino Guerra

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

Riflessioni in controluce

Personale visione cinematografica

willyzini

in parole ti cerco, con parole ti desidero, senza parole ti concepisco

almerighi

amArgine come sempre

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia