MARY JANE

 

Annunci

TERZO

È che io ho questi traumi da liberarmi nella testa
per forza non è possibile andare avanti
è che ci sono solo paletti e zero vie d’uscita.
È che c’ho queste immagini shock nel cervello
e nulla mi riesce fare se non posso concentrarmi a liberarmene.
Mi fa freddo al cuore, non è neve, non è neve,
è solo crollare davanti alle persone e sorridere sempre.

  1. Anche se mi è stato insegnato che ridere troppo
    fa venire le disgrazie.
    Non ce la faccio ad andare avanti
    perché gli occhi sono semi-chiusi. Lucidi e spenti.
    È che ho dei traumi nella testa

che non posso scusare.

 

Una volta tanto tempo fa, vi era una piccola scugnizza, danzatrice su fili elettrici, adesso vi sono solo terre lontane da raggiungere in Porsche Carrera, cappotta scoperchiata, niente stereo alto, niente sigarette nel cruscotto, niente lattine verdi smeraldo dietro a tintinnare, niente ripensamenti.

angolo del pensiero sparso

voli pindarici sulla caleidoscopica umanità

Ero Sveglia: poi ho capito Freud ®

"ogni riferimento a cose, persone o fatti è puramente casuale ed opera della mia fantasia"

Fosca Sensi

la verità è una questione estetica

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

Il Blog di Tino Soudaz 2.0

Provando tanto, prima o poi riesco anche se tante cose continuo a non capirle

arturoadalziora

scritti in lingua morta

massimobotturi

Lo so, lo so, lo so che un uomo, a 50 anni, ha sempre le mani pulite e io me le lavo due o tre volte al giorno, ma è quando mi vedo le mani sporche che io mi ricordo di quando ero ragazzo. Tonino Guerra

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

willyzini

in parole ti cerco, con parole ti desidero, senza parole ti concepisco

almerighi

amArgine come sempre

Suoni e Passioni

Siamo Musica

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

Nessuna Certezza

Just another WordPress.com site

Cenere

"Non si parte - Riprendiamo le strade di qui, curvo sotto il mio vizio, un vizio che ha affondato al mio fianco le sue radici di sofferenze, fin dall'età della ragione - che sale al cielo, mi colpisce, mi rovescia, mi trascina" A.R. "Cattivo sangue"