IMPOSSIBILE il titolo è già preesistente

“TAGLIA LA TESTA AL TORO”

Da quant’è che non m’hai più visto piangere?
Da quant’è che non m’hai più visto ridere?
E da quant’è che non m’hai più visto far
tutt’è e due le  cose insieme?
Da quanto hai tenuto lontano il tuo muscolo
da quanto hai tenuto il tuo istinto
da quanto vento hai sprecato l’ultima volta, l’ultimo fondo
da quanto hai trattenuto la tua stretta di morsa
nella mano, lontano dal mio guscio dell’umorismo vago?
Ed io a far la distaccata…
Ma chi vuoi che ci creda?

22/2/2007

IMPOSSIBILE il titolo è già preesistente

“IL NUOVO AMORE DEL 3000”

Non sarà una versione di un vizio quest’amore.
Gettato contro il letto sì
ma mai tradito al tuo cospetto.
Non sarà un’altra versione
di muoversi nel tempo, questo amore.
Occhio deciso sì,
ma non vivere per forza tutto.
Non additiamoci noi stessi e da soli,
stavolta avremo più pietà per noi.
Perché no? Non c’è in giro nessuno
che possa eguagliarci a tale ora,
semplice impatto sì
non acustico nella lisca ma senza
controllo davvero.

Non sarà un vizio
Non sarà un vizio
Non sarà un vizio
questo desertico dirci ti amo.

A Claudio 21/1/2007

IMPOSSIBILE IL titolo è già preesistente

“L’AMORE FUTURISTA”

Io lo vivo dentro, lui mi vuole vivere fuori.
1975. 1975. 1975. 1975. 1975.
Io vorrei disegnare con la punta qui
in questo momento per farvi vedere,
ma il mondo è pieno di corsi astratti,
e ho i soldi futuristi.
Al diavolo non lo posso fare!
Qui è pieno di artisti a cui piace la luce
e l’ombra che taglia, come
faccio a non immergermi?
Sento la sua voce che urla vendetta e una telefonata,
invece io lo penso così tanto
che poi alla fine incomincio a viverlo dentro.
Come tutti gli altri. E come fare a spiegarlo?
Come fare a spiegare ché l’unico modo per vivere
con dignità e rispetto
senza l’onore dei nomi.

29/11/2006

impossibile il titolo è già preesistente

“Solo ciò che si ruba si nasconde!”
“TRENO-MILANO-TRASPORTO-CHIARIFICAZIONI-DI-DISTACCO”

Sono un’altra volta accanto al finestrino. In viaggio verso l’ignoto e nessuna accusa di stanchezza. Il finestrino si vede che è destinato a me, ma questa è un’altra storia e non devo dirla troppo in giro. E’ solo un’altra storia da non raccontare. Tutti silenziosi e il mio cranio parla, urla, fa eco, dà rimbombo nel metro quadro di questa carrozza. Nel buio me lo ingoio io.
Tutti bassi a leggere giornali e zitti. Mio zio, Nazareno, è morto mesi fa, e stamani l’ho rivisto alla stazione. Aveva la coppoletta verde, al solito, m’è salito il magone in gola, odioso magone, quella stessa sensazione che m’hai fatto provare tu, con i tuoi gesti o tutti i tuoi non gesti. Se ti dovessi annunciare le volte che non ho alzato un dito, né un alito di voce, non ci crederesti. Se ti dovessi elencare le volte che mi hai ragliato di andare a cagare non si finirebbe più. Da non credere. Se ti dovessi ricordare ogni singola frase che hai sbadatamente detto, come minimo arriveremmo a sette episodi. Io non ho bisogno di ripetere certe cose tutta quella infinità di volte, preferisco lasciarmela conservata per una sola volta. Quando davvero ne vale la pena. Quando davvero ne vale la pena di tagliarsi la cucitura alla gola e di sguainare la mia spada. Non è questione di farsele scivolare o meno le cose, guardami, io non riesco nemmeno a farmi scivolare sulle rotaie di questa curva, qui. Chi può dirlo.
Ma se tu avessi almeno un po’ idea delle cose che sono, di come mi si aggrappano dentro, di come vivo dentro, se tu avessi idea della cacca che ti sto per scrivere, adesso ch’è quasi ora di pranzo, e della persona diabolicamente insostituibile che ho riposto nell’ombra, cui ho rinunciato per te, saresti almeno un po’ riconoscente. Ma forse è meglio così, forse, è come sempre, forse è meglio che tu non lo sappia. Per te. Che la riconoscenza è una malattia di troppa importanza. Va usata con parsimonia solo nelle occasioni serie, che se attacca, attacca! E può farti davvero male.

27/11/2006 _ S.M.N.-MILANO

POESIE PER VOI

“SPESALI TUTTI”

E io lo so Riccardo, che io e te, moriremo dello stesso male.
Un treno impazzito col sapore del roast beef in bocca, al lato della stazione estathé tra terra e polvere, il segnale recepito senza spesarlo e la piazza di questo piatto, aspetta ancora la decisione del pusher.
E vai via.
È un ballo di una gitana che ancora si fida delle persone poi vuoto poi sapore amaro in bocca poi fuoco intorno a piedi danzanti nudi.
E io lo so Riccardo, che ti commuovevi negli occhi quando nel piatto c’era soltanto la felicità.
E ti commuovi nella rovina dei miei occhi che ridevano. Quando veniva.
Un furgone bianco con la sua storia importante fa temere che per quella via ritorni, ed allora nulla è più vantaggioso d’una paura se ti fa ancora battere il cuore, il trapasso visto dallo spicchio della stradina in campagna.
Ed un giorno, moriremo dello stesso male, io lo so.
Ok punto

 

POESIE PER VOI

INTORTATA DA “QUESTA”

Mentalmente cerebrale
allusioni incoscienti
e non per questo devastanti.
Puramente ambulante
nelle sottigliezze delle percezioni.
Come vedi, incoraggiata
da un esercito circostante.
Mediamente allettante
succhiare il midollo dell’essenza
non vedi ? E chi lo ferma più.
Distrattamente attaccata
l’allusione dell’insensibilità
si scolla via
si scolla via di qua.
Freneticamente incasinata
disattenta per le volte dedicate
alle difese dagli attacchi a sorpresa.

Forte ma sintetica.
Ti piace il disegno?

MENO 4, MENO 3, MENO 2, MENO 1, STOCK

MENO 4, MENO 3, MENO 2, MENO 1, STOCK

Non mi tangi.
Ho faticato ed è stato molto eccitante.
Non attacchi.
Oggi ho la mia corsa in salita.
Non mi fai crescere.
Mi sembra di regredire.

Grazie.

Un dieci x 100 in più
che muta tutte le volte
che mi riempio il bicchiere,
e dico io,
sta roba fa ridere i muri!
Un 10 % che non capirai mai
che è fondamentale.

Non mi credi.

Ho dovuto dirgli “basta” oggi, per ricominciare.
Non ci pensi.
Eppure qui tutti lo sanno,
quando mi vedranno in ginocchio
sarà solo perché starò per prendere bene la mira!

RICCARDINO PANE E VINO

RICCARDINO PANE E VINO

Sto impazzendo
sotto questo cielo latitante
ed ho appena appena
salutato il tuo ticchettìo
mio ammirevole ammiraglio
ho sentito che d’improvviso
potevo rinascere
e magari rinascere tutte le volte

ch’io sputavo alla noia
bizantina dei tuoi fermenti
inchiodati nei tuoi sogni
nelle mie notti.

All’improvviso risoffro
perché il quieto vivere
giace in altre foreste,
guardali i chiodi dei pini
guardali guardali,
io sono dietro di te.

Finalmente sparisco.

Nei tuoi occhi e dai tuoi occhi
solo altro, solo altro,
guarda ora mi amo di nuovo,
e ti salvi.

E ci salviamo.

Una volta tanto tempo fa, vi era una piccola scugnizza, danzatrice su fili elettrici, adesso vi sono solo terre lontane da raggiungere in Porsche Carrera, cappotta scoperchiata, niente stereo alto, niente sigarette nel cruscotto, niente lattine verdi smeraldo dietro a tintinnare, niente ripensamenti.

Ero Sveglia: poi ho capito Freud ®

"ogni riferimento a cose, persone o fatti è puramente casuale ed opera della mia fantasia"

Nea: NuovaEcologiaArtistica

Un blog di Arte per l'arte contemporanea. Con-Tempo-Ra-Nea: con il tempo il sole sarà nuovo.

Fosca Sensi

la verità è una questione estetica

Ordine e Caos

Maschera Bianca (la Maschera Nera è privata)

marcellocomitini

il disinganno prima dell'illusione

La speranza ilcuore della vita di Raffaella Frese

Frasi, citazioni, pensieri che nascono dal cuore

Le mille e una Tavola

Autobiografia culinaria

Il Blog di Tino Soudaz 2.0

Provando tanto, prima o poi riesco anche se tante cose continuo a non capirle

Salvatore Leone

Il vizio dell'aria

orearovescio

scrivere è entrare nelle ore a rovescio

arturoadalziora

scritti in lingua morta

massimobotturi

Lo so, lo so, lo so che un uomo, a 50 anni, ha sempre le mani pulite e io me le lavo due o tre volte al giorno, ma è quando mi vedo le mani sporche che io mi ricordo di quando ero ragazzo. Tonino Guerra

.:alekosoul:.

Just another wanderer on the road to nowhere

Riflessioni in controluce

Personale visione cinematografica

willyzini

in parole ti cerco, con parole ti desidero, senza parole ti concepisco

almerighi

amArgine come sempre

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia